Oggi è sempre più necessario analizzare la medicina e i suoi progressi anche sotto il profilo morale: una disamina che superi la miope visione di un’arte medico-sanitaria fondata esclusivamente su aspetti clinici, ma che anzi ponga in rilievo le sue implicazioni etiche. Complice della difficoltà di realizzare questo passaggio è l’offerta formativa di molti Atenei nostrani, che mancano di offrire una formazione sistematica e ben strutturata in etica medica, ritenendo spesso questa disciplina un orpello eccessivamente astratto, se non addirittura un limite.

Eppure, è ormai condiviso come la medicina comporti il nascere di riflessioni che trascendono la dimensione puramente tecnico-specifica, soprattutto nella nostra odierna realtà, sempre più complessa. Quella del medico o, più in generale, quella del sanitario sono professioni intellettuali e, come tali, non possono prescindere da un pensiero a 360 gradi, che comprenda anche questioni di tipo umanistico. In particolare, l’apertura alla filosofia morale (una filosofia, si badi bene, laica, aperta ai cambiamenti e non pregiudizievole) da parte della medicina non può che giovare alla pratica clinica, permettendo un’interpretazione consapevole del suo declinarsi in ambito sia individuale che sociale. Senza dimenticare che, in fondo, la filosofia è originariamente la madre stessa della medicina, come per altro della scienza in generale. Un medico o un sanitario che oggi siano capaci di riflettere in modo critico e rigoroso sul proprio sapere, sono professionisti in grado di tornare alle loro radici intellettuali e valorizzarle.

 

 

Sara Patuzzo PhD

Sara Patuzzo PhD

Ph.D. in “Filosofia”, indirizzo in “Filosofia teoretica, morale ed ermeneutica filosofica”, curriculum in “Bioetica” – ciclo XXIV, Università degli Studi di Torino, 26 novembre 2012 Ha svolto attività di Ricerca presso l’ Università degli Studi di Verona, Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità, Sezione di Medicina Legale (collaborazione all’insegnamento di Bioetica: Corsi di Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria, Ostetricia, Infermieristica, Tecnica della riabilitazione psichiatrica, Fisioterapia, Tecnica di fisiopatologia cardiocircolatoria perfusione cardiovascolare, Endocrinologia e Malattie del metabolismo, Logopedia, Scienze del Servizio Sociale; Scuola di Specializzazione in Ematologia Componente Commissioni esami di profitto di Scienze Giuridiche, Università degli Studi di Verona Componente esperto della Consulta Deontologica Nazionale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) Componente esperto dell’Osservatorio Centro Studi, Documentazione e Ricerca, Gruppo di lavoro sulla Bioetica, della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) Componente del Comitato Scientifico per la Formazione ECM della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) Consulente scientifico per il Sen. Amedeo Bianco per il Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB) Componente del Comitato Scientifico della Scuola di Etica medica dell’Ordine dei Medici della Provincia di Rimini Componente del Comitato di Redazione della Rivista “Decidere in Medicina”, Rubrica “Bioetica e Deontologia”, C.G. Edizioni Medico Scientifiche, Torino Componente del Comitato Etico per la pratica Clinica della ULSS 20, Verona Componente dell’International Forum of Teachers (IFT) dell’UNESCO Chair in Bioethics Presidente Comitato Etico Fisioterapisti (CEFt)